Articolo

È un classico

notizieIn questo periodo si sta verificando un’insolita moltitudine di eventi che potrebbero fornire materiale a sufficienza per fare del giornalismo di bassa lega. Mi riferisco a tutti quei casi in cui, in mancanza di qualcosa di veramente importante da trattare o per evitare invece di dire qualcosa di rilevante, si approfondiscono fatti che non lo sono.

C’è il maltempo che flagella il centro Italia e non solo: il meteo da sempre è il classico espediente al quale si ricorre in mancanza di argomenti, valido sia sull’ascensore con degli estranei che in prima serata durante un telegiornale.
La cronaca nera, anzi ormai bisognerebbe chiamarla gialla, è uno di quei casi in cui il confine tra fiction e realtà è diventato molto sottile: il delitto di Meredith torna a far discutere dopo la recente condanna dei due indagati storici Amanda Knox e Raffaele Sollecito; quasi non se ne fosse parlato già abbastanza con libri e film d’oltreoceano!

La politica estera si tinge di rosa, anche se a nessuno interessano gli scandali di Hollande perché Berlusconi ci ha abituati a situazioni ben più succose.
Sta riempiendo le cronache anche il collezionista di cariche Mastrapasqua, che come al solito rappresenta l’ennesimo caso di strapotere e corruzione in seno ad un organo statale italiano.

Ma la notizia che certamente andrebbe detta, anzi gridata, e che purtroppo interessa solo a pochi milioni di giovani, è che sono uscite le materie per le seconde prove scritte della maturità: greco per il liceo classico e matematica per quello scientifico. Questa informazione a tantissime persone sembrerà inutile, tuttavia per quella piccola minoranza di studenti che a giugno dovrà affrontare gli esami sarà stata davvero importante.

blog comments powered by Disqus