Articolo

Un ricordo lungo una vita

Qual è il ricordo più vivo della vostra infanzia? Il primo momento in cui siete stati davvero consapevoli di qualcosa? Il mio risale esattamente a venticinque anni fa, all’epoca avevo solo tre anni, sedevo in cucina mentre mia madre stava preparando la cena. La televisione era accesa ma senza volume, le immagini trasmettevano tantissimi ragazzi seduti cavalcioni su un muro, che sorridevano ed agitavano striscioni. Dato che mi sembrava una cosa piuttosto pericolosa, chiesi a mia madre cosa stessero facendo tutti quei giovani seduti in quella maniera, ai quali si stavano aggiungendo altri ed altri ancora. La reazione di mia madre fu inaspettata: lasciò la cena, corse al televisore ed alzò il volume, rimase qualche secondo ad ascoltare il cronista e poi mi disse

“Vedi, ora è finito l’incubo di queste persone. Da tanti anni vivevano separate anche se vivevano nella stessa città, anche se avevano i parenti dall’altra parte. Questo è il momento più importante della tua vita, sta nascendo una nuova Europa, è crollato il muro di Berlino. Devi ricordartelo per tutta la vita.

Nonostante non mi fosse ben chiaro perché qualcuno avesse dovuto mettere una barriera al centro di una città e cambiare in questa maniera la vita di tanta gente, mi fissai quelle immagini nella mente e ne rimasi molto impressionata. A distanza di tanti anni capisco e ringrazio mia madre per la sua volontà di darmi la giusta consapevolezza storica, il mio interesse per l’attualità è nato il quel momento ed è perdurato negli anni.

Fonte immagine in evidenza: http://labussolaimpazzita.blogspot.it/2011/11/notte-di-ricordi.html

blog comments powered by Disqus