Articolo

Caro Alessandro

lettera-amoreCaro Alessandro,

tu ancora non mi conosci, perché sei appena nato, io invece già da un po’ mi sono abituata all’idea che tu saresti entrato a far parte della mia vita e così colgo l’occasione, grazie al mio fondo settimanale, per scriverti questa lettera che spero un giorno leggerai. 

Non voglio fare la vecchia che impartisce lezioni di vita o che dispensa preziosi consigli ad una mente giovane, non sono così saggia e non voglio certo annoiarti. Sono solo una persona che ti vuole bene e che vorrebbe lasciarti qualcosa, anche solo una briciola, che raccoglierai nel tuo futuro cammino.

Sicuramente crescerai in un mondo diverso da quello che io trovai alla tua età: sarà più facile fare molte cose, alcune esperienze che per me erano quotidiane per te non significheranno nulla ed avrai un modo tutto tuo per guardare la realtà che ti circonda.
Ecco, questo sarà meraviglioso.
Però non trascurare quelle cose che ti sembrano così vecchie ed inutili come sfogliare un libro o ascoltare una canzone dall’inizio alla fine. Anche camminare in un bosco senza il cellulare, per ascoltare i suoni della natura, forse all’inizio ti farà sentire spaesato perché non potrai sentire tutto il tuo mondo vicino, però così potrai stare insieme a te stesso, e sarà molto più importante.

Anche se sarà difficile, se non impossibile, non farti condizionare dall’onnipresenza dei computer. Non ti accontentare del sapere che ti viene trasmesso da altri e se ti sarà possibile fai da solo i tuoi esperimenti, anche a costo di farti un po’ male (a me è successo tante volte), il risultato sarà di gran lunga molto più soddisfacente.

Sporcati le mani, costruisci qualcosa, progetta i tuoi sogni e cerca di realizzarli. Non ti deprimere se non ti riesce al primo tentativo, sbagliare ti farà crescere molto più velocemente dell’ottenere subito un successo.

Viaggerai, amerai, starai male, imparerai tante cose, correrai dei rischi, proverai dei sentimenti. Non c’è niente di più bello, e forse un giorno lo capirai anche tu, del vedere una vita che inizia.
Forse sarò solo un satellite che incrocerà qualche volta la tua orbita e non avrò un ruolo fondamentale nella tua esistenza, tuttavia ti ho scritto questa lettera affinché sapessi quanto ti considero importante: sei il mio futuro, quello di tutti noi.

Silvia

 

blog comments powered by Disqus