Articolo

Luca Argentero presenta: “Tutte le ragazze con una certa cultura”

Una nuova webserie per Meagtube Creators, dal titolo “Tutte le ragazze con una certa cultura“, è stata presentata ieri dall’attore Luca Argentero. Prodotta da “Capsulae”, scritta da Roberto Venturini per la regia di Felice V. Bagnato, interpreti Daniel Terranegra e Federica Brenda Marcaccini.

download (1)

Sinossi: Luca, 30 anni, è un assistente universitario che per arrotondare corregge bozze. Poi c’è Silvia, che non ha la tv a casa, che legge Bret Easton Ellis, ama i quadri di Shiele ed è tormentata da uno stalker.

Tutto inizia dalla pubblicazione  nel 2009 di un omonimo racconto* di Venturini  sulla rivista di letteratura contemporanea “Il Paradiso degli Orchi” (http://www.paradisodegliorchi.com/Tutte-le-ragazze-con-una-certa-cultura-hanno-almeno-un-poster-di-un-quadro-di-Schiele-appeso-in-came.27+M5521aaf881f.0.html). 

images

Dalla narrativa alla realizzazione di una vera e propria serie per il web il passo non è di certo breve. Venturini ha dichiarato: «Tutto nasce dalla mente malata di Felice V. Bagnato che innamoratosi del mio racconto “Tutte le ragazze con una certa cultura” decise di farne un corto. Essendo egli però di indole megalomane dopo aver girato il corto mi chiese di scrivere un’intera serie per il web».

DSC_0242

Così la descrive l’autore: «”Tutte le ragazze” è un viaggio dissacrante nelle inquietudini di una generazione persa tra social network, aperitivi, mostre d’arte ed etichette come “radical chic”, “emo” e “hipster”, che servono ad indicare status ormai sempre più simili l’uno all’altro. Luca, il protagonista, è cresciuto guardando ‘Bim Bum Bam’, va in giro su una Fiat 500L del ’71 e pensa che i quadri di Pollock siano il risultato dello starnuto di un pittore ubriaco pestato a sangue. Silvia, la protagonista, ostenta disincanto e cinismo ma, in fondo, ha solo una paura tremenda di apparire normale. Il racconto del difficile rapporto tra i due ragazzi è l’occasione per esplorare un paesaggio in realtà molto vasto. Così per tutti gli otto episodi sfila davanti a noi una galleria di personaggi bizzarri eppure rappresentativi, a pieno titolo, di quella strana dimensione chiamata normalità».

10510350_10152894087586102_1819149718_n

Il regista, Felice V. Bagnato, afferma: «Con Tutte le ragazze con una certa cultura ho cercato di rappresentare la tormentata storia d’amore di due ragazzi che fanno parte di una generazione cresciuta all’interno di un continuo bombardamento culturale e visivo. La serie spazia dalla tv ai film alla letteratura, ai cartoni animati, ai fumetti, in una sorta di melting pot mediatico fatto di citazioni continue e rimandi alla cultura pop. Perché la cultura di massa, veicolata in questi anni dalla produzione cinematografica e televisiva senza precedenti, oggi, a mio avviso, può essere mantenuta viva solo rielaborandola in forme nuove da parte di chi la fruisce. Così una storia d’amore può essere legata a un quadro di Schiele o vissuta come un libro di Bret Easton Ellis o un film di Wes Anderson e diventa anch’essa ‘prodotto’ culturale».

download (2)

Luca Argentero, in qualità di direttore artistico, ha dichiarato: «’Tutte le ragazze è la prima webserie su cui puntiamo in modo ufficiale. Credo molto in questo progetto e in assoluto rappresenta il primo passo di quello che sarà sicuramente un tragitto molto gratificante».

Il primo episodio è online (youtube.com/tutteleragazzeserie). Le uscite in totale saranno otto è avverranno con cadenza quindicinale. Non perdetele!

*Titolo integrale: “Tutte le ragazze con una certa cultura hanno almeno un poster di un quadro di Schiele appeso in camera”.

blog comments powered by Disqus