Articolo

Campi di volontariato a Scurcola Marsicana

imageDomenica 4 agosto, a Scurcola Marsicana, si è conclusa l’ultima parte dei campi di volontariato di “Libera”, associazione capitanata da Don Ciotti, che da anni si batte per la legalità contro tutte le mafie.

Nel territorio il lavoro è stato improntato sulla riqualificazione del bene sequestrato alla “Banda della Magliana” diversi anni fa e riassegnato, grazie alla legge 109/96 al comune ed alla comunità.

Durante i campi, si sono susseguiti tre diversi gruppi di volontari, dai quali sono scaturite numerose iniziative ed uno scambio di critiche costruttive.

Il primo gruppo ha visto l’arrivo ed il gemellagio di rappresentanti di due diverse facoltà di architettura, provenienti dagli atenei di Pescara e Bogotà in Colombia, che in una settimana hanno realizzato un workshop con il fine di riprogettare e ripensare l’utilizzo del bene confiscato.

Grazie al supporto di professori, che credono veramente nel loro mestiere ed in un mondo migliore, come Piero Rovigatti, alla fine della settimana i ragazzi del primo gruppo hanno illustrato quattro diversi progetti al posto di questi enormi scheletri di cemento e foratini.

Due i gruppi che si sono poi succeduti; forti di un’intergenerazionalità spiccata, e di un retaggio culturale variegato hanno potuto approfondire e dibattere molto sul futuro degli stabili, su innovative tecniche di comunicazione e coinvolgimento nelle attività della zone, sulle infiltrazioni mafiose nella Marsica e sulla ricostruzione post-terremoto de L’Aquila.

imageParallelamente all’aspetto formativo, si sono occupati della sistemazione provvisoria del bene a loro assegnato, evitando che si trasformasse nuovamente in un luogo di degrado come una discarica abusiva.

Venerdì sera è stato molto apprezzato il regalo audiovisivo realizzato dall’ultimo gruppo di volontari che, sulle note di Libertà – di Giorgio Gaber hanno riassunto il loro lavoro in immagini.

Tutto questo però è stato possibile grazie alla dedizione dell’assessore Elettra Di Cristofano che ci racconta: “È grazie alla perseveranza ed all’impegno dei volontari di “Libera”, dei cittadini e degli amministratori locali che si costituisce una nuova coscienza collettiva, che affermi i valori della giustizia sociale”, ed anche grazie al supporto amministrativo partito dal sindaco Vincenzo Nuccetelli, che ci conferma quanto siano importanti queste occasioni per “aprire le porte della comunità e creare un’interconnessione tra chi condivide questi valori di legalità “.

Cinzia Martorelli, responsabile dei campi, commenta così : “Come ogni anno, hanno lasciato un segno indelebile nella mia coscienza, così come spero che l’abbiano lasciato in quella di tutti i cittadini; lo scambio, il rispetto tra le persone, ci rende uomini migliori.”

Nulla però sarebbe stato possibile senza l’ausilio della Nuova Pro-Loco di Scurcola Marsicana, alla quale vanno riconosciuti tutti i meriti del supporto logistico dei campi.

Lasciatemi aggiungere una considerazione personale, mi sono avvicinato quasi per caso all’evento, ma la forza d’animo che questi ragazzi mettono nel portare avanti i propri ideali mi ha scalfito il cuore in maniera indelebile!

Per maggiori informazioni sui campi di volontariato

blog comments powered by Disqus