Articolo

“Bellezza Selvaggia”: la fotografia di Vannino Santini per le missioni in Africa

«L’Africa, fra tutti i continenti, insegna questo: che Dio e il Diavolo sono uno, la maestà coeterna, non due increati ma un solo increato.»

«L’aria, in Africa, ha un significato ignoto in Europa: piena di apparizioni e miraggi, è, in un certo senso, il vero palcoscenico di ogni evento.»

Karen Blixen, La mia Africa

Mostra jpgOggi alle 18.00 si terrà a Roma, presso la parrocchia di San Frumenzio, l’inaugurazione della mostra (che resterà aperta al pubblico fino a domenica 30) “Bellezza selvaggia. Lo sguardo di Vannino Santini sul continente africano”. Organizzata dal gruppo GOIM, composto da volontari che tramite incontri di sensibilizzazione, organizzazione di eventi culturali e collaborazioni a progetti nei periodi di permanenza in Africa si occupano della gestione delle missioni a Mafuiane e a Goba (Mozambico), la mostra vedrà l’esposizione dei suggestivi scatti del grandissimo fotografo naturalista scomparso nel 2010.

Vincitore per ben quattro volte di seguito della Coppa del Mondo di Fotonatura, Vannino Santini rimase affascinato fin da piccolo dalla magia della fotografia, arte che gli permise di catturare la straordinarietà del mondo restituendola all’occhio dell’osservatore arricchita della propria personalissima e incorruttibile visione. Inizialmente dedito ad immortalare le sfumature dell’ambiente circostante, in particolar modo le vetrerie di Empoli, sfruttando a pieno le potenzialità evocative del  bianco e nero, amava concepire la fotografia come un doppio processo:  alla cattura dell’immagine seguiva infatti la sua materializzazione, fase che avveniva nella piccola camera oscura allestita in casa. Fondamentale per la sua maturazione artistica e umana fu la fondazione, avvenuta nel 1967 insieme ad un piccolo gruppo di amici, del “Cine Foto Club Empoli”, luogo di incontro e scambio creativo.

DSC00015Con il trascorrere del tempo, grazie a numerosi viaggi in AmericaTurchiaIndia e soprattutto Africa, il suo sguardo instancabile e sensibile ha potuto confrontarsi con nuove realtà ricche di immagini e apparizioni spettacolari  e la sua passione per la fotografia è andata legandosi sempre più ad un’esaltazione delle bellezze naturali, al mistero insito in paesaggi incontaminati, al segreto custodito in ogni figlio di Madre Terra. Dal 1989, infatti, Santini è stato al vertice della Commissione Natura, ambito in cui venivano definite le normative che regolavano la Fotonatura in Italia, e nel 2007, per festeggiare i 50 anni di fotografia, ha pubblicato Gli occhi della natura, libro formato album che raccoglie oltre 150 scatti divisi in capitoli (all’interno è presente anche una piccola prefazione di Vincenzo Mollica, inviato del TG1). 

Le istantanee che compongono la mostra “Bellezza Selvaggia”, donate al gruppo GOIM dalla famiglia del fotografo poco dopo la sua morte e ritraenti principalmente animali e in parte paesaggi, verranno vendute ad offerta e il ricavato verrà usato per finanziare i progetti della missione in Mozambico. Le fotografie sono tutte scattate in Africa, continente che più di tutti stimolò l’artista ammaliandone sguardo e obbiettivo. Frammenti di Sud Africa, Tanzania, Kenya, Namibia, Botswana e Madagascar raccontano storie di forza e libertà, caratteristiche che Vannino Santini riscontrava in particolar modo negli animali africani che tanto spazio avranno nella sua opera

Una citazione, che il caso vuole rimanga legata agli animali e a luoghi distanti, sembra concentrare in sé lo spirito profondo di questa mostra:

«Si dice che il minimo battito d’ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo»

In fondo basta poco, un piccolo gesto solidale per fare di ogni angolo della Terra un’opera d’arte.

Info:

“Bellezza Selvaggia. Lo sguardo di Vannino Santini sul continente africano”

29 e 30 marzo 2014, Parrocchia San Frumenzio, Via Cavriglia 8, Roma

Inaugurazione: 29 marzo ore 18.00

http://www.mozambico.sanfrumenzio.it/

Alcune fotografie di Vannino Santini presenti alla mostra:


blog comments powered by Disqus