Francesca Robertiello

Sognava di fare il medico, ma si è appassionata al giornalismo. Metà calabrese, metà campana, si divide tra Roma, Padova e Milano. Ama la pittura a olio, il tango argentino e la musica rock. Spera di vincere un Premio Nobel con Alfonso V. Santagata e Alessio Belli. Dal 2011 al 2013 è caporedattore di Pauranka. Dal 2013 è direttore editoriale.

Trasparenze, classicità e reti metalliche: a Reggio Calabria arriva ‘Opera’, l’installazione di Edoardo Tresoldi

CONDIVIDI Quarantasei colonne in rete metallica svettano su un’area di duemilaecinquecento metri quadrati sul lungomare Falcomatà Un’istallazione artistica imponente, a metà tra il mondo classico e quello contemporaneo. Affacciata sul golfo di Messina, lo stesso che racchiude storie leggendarie e che vede quotidianamente un via vai di merci e persone. […]

Lutto nel mondo dell’editoria, il ricordo di Severino Cesari

CONDIVIDI Aveva fondato Stile Libero con Paolo Repetti. Una vita dedicata ai libri e all’editoria, da qualche anno ostacolata dal cancro e dalla chemioterapia. Ad un mese dalla sua scomparsa, il ricordo di Francesca Robertiello che lo aveva intervistato nel 2011 “Grazie, Francesca, intesi cosi. A presto. Severino“.  Sabato 10 dicembre 2011, […]

Art therapy: colorare non è (solo) un gioco da bambini

CONDIVIDI Spopola l’art therapy tra gli adulti. La nuova tendenza creativa dimostra che colorare aiuta a liberare la mente e ad eliminare lo stress quotidiano “Chi l’ha detto che colorare è un’attività per bambini”? Recita così l’introduzione della raccolta che Giunti dedicata alla creatività antistress. Vi ricordate, da piccoli, quanti libri […]

Kandinskij a Milano: sinestesie, colori, astrazioni

CONDIVIDI Sarà fruibile fino al 9 luglio la mostra “Kandinskij. Il Cavaliere Errante” al Mudec di Milano. Un viaggio interattivo alla scoperta dell’evoluzione della pittura di uno dei massimi esponenti dell’astrattismo mondiale Il colore è un mezzo di esercitare sull’anima un’influenza diretta. Il colore è un tasto, l’occhio il martelletto […]

Onorate il Vile: dopo vent’anni il tour commemorativo

CONDIVIDI Correva l’anno 1996 quando è uscito “Il Vile” dei Marlene Kuntz. Da gennaio 2017 parte il tour per celebrare i 20 anni di uno dei dischi più significativi della band di Cuneo “Tre di tre! la mischia gaia di vipere” (3 di 3). “Retrattile comparsa dritta agli occhi miei […]