Articolo

Fumo e caffè: vizi e virtù

Basterebbe fare due passi nelle città di tutta Italia e soffermarsi davanti ad alcune vetrine, alzare lo sguardo all’insegna o scrutare all’interno dell’esercizio commerciale per poi capire di cosa si tratta: non sono librerie o cartolerie; nemmeno abbigliamento o pelletteria. Sono nuovissimi e modernissimi negozi che distribuiscono macchinette del caffè con cialde di vario tipo o sigarette elettroniche con svariati aromi. La nuova moda passa  per due vizi di cui  le persone, specie gli italiani, non possono fare a meno.

georgeQuanti sono i bevitori di caffè e quanti i fumatori di sigarette nel mondo? Certamente tanti! I geni del marketing hanno puntato su queste due particolari “debolezze” umane per creare veri e propri business oramai diffusi in molti centri di commercio. Un nuovo modo di concepire la nicotina e la caffeina, punti deboli o di forza di molti italiani che non possono rinunciare ad esempio ad un bel caffè o almeno ad un “tiro” di sigaretta. Se poi a sponsorizzare direttamente o indirettamente questi prodotti è gente dello spettacolo, allora il gioco si fa più interessante. George Clooney e ora Matt Damon sono i protagonisti di una nota pubblicità, mentre di tanto in tanto si possono sorprendere personalità del calibro di Jack Nicholson o Leonardo Di Caprio a fumare una e-cigarette.

Cambiano i tempi, cambiano le mode e, quindi, le tendenze. Ora sono gli anni del “coffee and cigarette” con l’aggiunta di un modernismo che fa scena o è solo “cool”. Eppure ci saranno sempre i puristi: coloro i quali ameranno prendere una tradizionale macchinetta e farsi un caffè “come Dio comanda”; oppure comprarsi un bel pacchetto di sigarette o prepararle con le proprie mani per venire incontro anche ad esigenze economiche o anche solo per il gusto di sentire il profumo del tabacco. Insomma, ognuno con la propria idea e la propria tendenza.

abitudini

E tu, cosa ne pensi?

blog comments powered by Disqus