Ricetta

Alici e indivia: tortino alla portodanzese

alici-e-indivia-tortino-alla-portodanzese

Cosa c’è di meglio che un pesce gustoso ed economico come le alici e l’indivia, leggera e saporita? Questi due ingredienti, uniti a molti altri daranno luogo ad un buonissimo piatto dal gusto, l’aspetto e il sapore del Mediterraneo…

La ricetta che vi propongo oggi arriva da molto vicino, più precisamente da casa mia e ha per protagoniste alici e indivia! Si tratta di un piatto-unico gustoso, salutare ed economico. Le alici sono, tra i pesci azzurri, quelli più comuni e il loro costo è davvero accessibile. L’indivia riccia è un’insalata facilmente reperibile, leggera e gustosa. Il connubio alici–indivia, pur essendo un cavallo di battaglia della cucina anziate, è diffuso in  tutto il nostro Paese – soprattutto nelle località di mare – ed è molto apprezzato!

(Un altro gustoso modo per mangiare le alici: marinate).

Ingredienti

alici
700 grammi
indivia riccia
1 kg circa
spicchi d’aglio
2
Pinoli
q.b.
Pomodorini Pachino
150 grammi circa
Pangrattato
q.b.
Sale
q.b.
Olio
q.b.
Peperoncino
q.b.

Preparazione

1

Mondare l’indivia eliminando le foglie esterne sciupate e il torso. Lavarla e lasciarla scolare in un colapasta (o in alternativa utilizzare una centrifuga per insalata).

Pulire le alici eliminando teste, lische ed interiora. Poi, aprirle, e lasciarle asciugare su uno strato doppio di carta assorbente (Scottex). È importante che l’alice sia ben aperta ma unita sul dorso.

2

Condire l’indivia con sale, peperoncino, aglio e pinoli. Lasciare insaporire, sempre all’interno del colapasta, almeno un’ora.

Oliare una teglia da forno e disporvi, in maniera ordinata ed uniforme, una spolverata di pangrattato.

3

Disporre le alici fino a comporre uno strato su tutta la superficie della teglia. Aggiustare con sale ed olio.

4

Coprire le alici con l’indivia condita aggiungendo, se graditi, dei pomodorini pachino tagliati a metà.

5

Distribuire sull’indivia un secondo strato di alici e spolverare nuovamente con pangrattato e un filo d’olio.

6

Porre la teglia in forno statico a 180° C (o ventilato a 160° C) per circa 30/40 minuti. La superficie dovrà apparire dorata e croccante.

Il tortino può essere servito tiepido o freddo.

Come di consueto, vi lascio con un proverbio locale. Dato che stiamo parlando di pesce azzurro, vi ricordo che non sono le chiacchiere a riempire la pancia ma la buona cucina!

 

“La paranza riempe la panza”