Articolo

Campionato chiuso?

Il passo falso delle inseguitrici e l’agevole vittoria contro il Sassuolo ha spianato la strada alla squadra di Allegri verso il tricolore. Intanto la Uefa celebra il dominio bianconero. La concorrenza che fa?

campionato“C’è qualcosa di nuovo sotto il sole, anzi d’antico”. La novità è che le inseguitrici della capolista si perdono in un bicchier d’acqua, facendo un harakiri che forse fa svegliare dal sogno di poter sfilare lo scudetto dalla maglia bianconera. Le abbiamo provate tutte, i messaggi di positività che anche da questa rubrica abbiamo provato a lanciare, non hanno sortito sinora nessun effetto: il campionato italiano è il più noioso di sempre. Già praticamente quasi tutti i verdetti sono stati assegnati; forse ci emozioneremo per vedere chi andrà in Europa League o in Champions, visto che l’Inter si è ricordata con Pioli che sa vincere e convincere. Sta provando a sfruttare la scia positiva gli scivoloni che inevitabilmente hanno colpito Roma e Napoli lì davanti.

I nerazzurri si candidano per un posto in Champions e vedere se riusciranno a scalzare dal podio una delle due squadre del sud, forse è l’unica cosa interessante che è rimasta da guardare in questo campionato. Per il resto tutto sembra filare liscio. E la Juventus ricomincia a fare il rullo compressore. Certo, il Sassuolo oggi come oggi non è l’avversario più irresistibile che ci possa essere per i bianconeri, ma il nuovo modulo con tutti i giocatori offensivi in campo insieme alla grinta che è uscita dai giocatori dopo la sconfitta in supercoppa contro il Milan hanno consentito di riprendere la marcia inarrestabile delle truppe di Max Allegri. Solo la piccola crepa della sostituzione polemica di Dybala, ha tentato di scalfire il monolitico gruppo juventino. Ma la consapevolezza di essere i migliori, la certezza che le altre squadre non riescano neanche a rinforzarsi sul mercato, fanno dormire sonni tranquilli in quel di Torino.

Del resto se non ci si complica la vita, a Roma non si è soddisfatti. I giallorossi incappano in una sconfitta fisiologica visto che gli stessi giocatori, che non hanno la possibilità di rifiatare per la mancanza di alternative nella rosa dei capitolini, non sono riusciti a compiere l’ennesima impresa e si sono presentati a Genova un po’ spenti e col fiato corto. Altra storia quella del Napoli che impatta nella più sfortunata delle giornate che perde punti contro un Palermo che è praticamente un vaso rotto sistemato con l’attack. Eppure i rosanero sono riusciti a strappare un punto incredibile.

Insomma, per farla breve, non è che nessuno si stia impegnando per dare fastidio alla Juventus, semplicemente in serie A non c’è un’alternativa valida. La Uefa ha fatto uscire una classifica emblematica dello strapotere juventino. Lo studio condotto dalla redazione di Uefa.com ha messo in evidenza come negli ultimi cinque anni i bianconeri abbiano fatto, con questo campionato ancora da finire, già oltre 500 punti ben 100 in più delle due rivali che negli anni hanno provato a rendere il campionato più interessante ovvero Napoli e Roma. La forza dei bianconeri è stata, neanche a dirlo, la difesa che ha incassato solo 127 gol, 100 in meno delle due inseguitrici. Insomma uno strapotere assoluto. La concorrenza sembra latitare e i segnali che ci ha dato l’ultima giornata di campionato non sono confortanti. In serie A, con una Juve così si fa davvero fatica solo a pensare a “politiche redistributive” dello scudetto.

blog comments powered by Disqus