HiFi

“Ti vendi bene” – Le luci della centrale elettrica

Ti vendi bene – Le luci della centrale elettrica

I ragazzi si erano dispersi nella notte fredda
questa volta il somigliare agli altri non la salva
i ragazzi si erano dispersi nella notte fredda
questa volta il somigliare agli altri non le basta

Bandiera rossa sventolerà, ma solo sulla costa del mare in tempesta
qualcuno gridava la luna al popolo
poi la mattina fa il rumore di una saracinesca che si alza
e Debussy caduto nella Senna

ti vendi bene tu, ti vendi bene tu, ti vendi bene
ti vendi bene tu, ti vendi bene tu, ti vendi bene

è una giornata fredda e luminosa
l’importante è che succeda qualcosa, qualsiasi cosa
è una notte buia e meravigliosa
l’importante è che succeda qualcosa, qualsiasi cosa

una nuova ondata di freddo è attesa anche in questa strada
che ha il nome di una santa in questo aprile che sembra dicembre.

3 operai, 4 camerieri, 5 studenti, 6 nullafacenti
tra aspirazioni e delusioni
un grande amore qualsiasi e un…..
di poeti di navigatori satellitari di fiori solo dai fiorai,
goodbye new economy, goodbye
goodbye new economy, goodbye

sei unaa discoteca vuota nell’anima
sei senza paura, cammini di notte sul bordo di una strada
bella come una grande città quando la gente è addormentata, agitata
come la bandiera scolorita e che in qualche modo ce la farà
immenso smarrimento, immensa libertà
immensa libertà

Bandiera rossa trionferà, ma solo sulla costa del mare in tempesta
qualcuno gridava la luna al popolo
poi la sera fa il rumore di una saracinesca che si abbassa
e Mozart a letto con la febbre alta

ti vendi bene tu, ti vendi bene tu, ti vendi bene
ti vendi bene tu, ti vendi bene tu, ti vendi bene
ti vendi bene tu, ti vendi bene tu, ti vendi bene
ti vendi bene tu, ti vendi bene tu, ti vendi bene

(Le luci della centrale elettrica: sito ufficiale)