Articolo

Romanzo demenziale

È andato in scena dal 24 al 29 gennaio al Teatro Lo Spazio Romanzo demenziale, liberamente tratto da Romanzo criminale, di cui calca fedelmente i momenti e le scene più importanti trasformando le crude vicende dei noti criminali ed assassini della Banda della Magliana nelle comiche, esilaranti e ben poco esaltanti avventure della Maglia della Bandana. Lo spettacolo è stato scritto da Francesco Arienzo, che è anche il regista, e Patrizio Sisti entrambi interpreti insieme a Michele Botrugno, Valerio Camelin, Marco Passarani, Massimo Gentileschi, Giovanni Lacetera e Veronica Pinelli. Doppi sensi, giochi di parole, metateatro, capovolgimenti comici: ogni pretesto è sfruttato per battute e gag, più o meno riuscite, spassose e divertenti. Dai nomi dei protagonisti come il Tirolese, vestito in modo adeguato, il Gelo, sempre con una freddura pronta, o Scrocca, immancabilmente alla ricerca di una sigaretta da farsi offrire, alle numerose citazioni della cultura pop degli ultimi anni, dai Backstreet boys a Dottor House, da Capitan America a Topolino, passando per le canzoni di Gigi d’Alessio usate come tortura dai malviventi per estorcere informazioni. Lo spettatore assiste al vorticoso e rocambolesco succedersi di eventi e battute che rispecchiano l’intento parodico esplicito fin dal titolo. Gli attori restituiscono sulla scena la vivacità e le peculiarità dei diversi personaggi mantenendo il ritmo sostenuto ed equilibrato e rendendo così lo spettacolo piacevolmente godibile.


blog comments powered by Disqus