Articolo

“Moving Spheres”, il groove di Rosa Mussin, in arte Rose

Il debutto da solista della giovane ed eclettica artista portogruarese

Dopo essersi formata come clarinettista in una big band e successivamente come tastierista e corista in gruppi Reggae, collaborando con Roy Paci & Aretuska e Alborosie, la giovane poli strumentista Rose si avvicina al canto soul e finalmente nel 2017 esordisce con il suo primo album da solista, che la vede anche autrice dei brani.

Il filo conduttore di questo disco è sicuramente di stampo R&B, con notevoli influenze provenienti dal Soul, riconducibile alla musica black, ma con delle contaminazioni che ci mostrano l’ecletticità e la bravura della cantante.

Infatti, l’album si apre con Relation, una ballata R&B molto soft, ma che in sottofondo non manca di groove. Andando avanti, con Moving Spheres, brano che dà anche il titolo all’album, si possono sentire toni più “minimal” e riflessivi, dalla forte contaminazione elettronica.

Una ventata di ritmo ci arriva dall’ascolto di Same Things, brano in cui l’impronta funk è evidente e spinge le sonorità verso un sound prepotente, che dà la carica.

In Amused le sorprese non finiscono mai: dall’introduzione di pianoforte degna di un classico jazz, passiamo all’R&B della strofa e, senza quasi rendercene conto, durante il ritornello ci ritroviamo nel pieno di una bossa nova. In tutto ciò, Rose continua a stupirci mostrandoci le sue abilità da rapper. Davvero un uso notevole delle contaminazioni, con un risultato assolutamente coinvolgente.

Ci viene voglia di ballare con il brano Stupid, un funky classico, molto vicino allo stile di Stevie Wonder di qualche anno fa, con un ritmo affascinante e mai banale.

Rose ci saluta con Ups & downs, un brano acustico, essenziale, dove la voce viene accompagnata solo da chitarra e basso. Questo arrangiamento minimale risalta ancor di più le qualità vocali della cantante, creando un’atmosfera molto calda ed avvolgente, degna conclusione di un disco come quello che abbiamo appena ascoltato.

Come opera d’esordio, questo album è un’ottima prova di bravura, che non dimostra solo la notevole preparazione musicale di questa giovanissima artista, ma crea anche la sensazione di essere accompagnati da un sound delicato, ottimo per un momento di relax, ma che allo stesso tempo presenta un groove con il quale sarà impossibile stare fermi.

 

Credits:

Artista: Rose

Autore dei brani: Rosa Mussin

Autore del brano “Ups and downs”: Stefano Taboga

Editore: Music Force / Toks Records

Etichetta: Music Force / Toks Records

Catalogo: MF 074 – Toks 002

 

 

Tracklist:

Relation

Moving spheres

Same things

Amused

Stupid

Ups and downs

 

 

blog comments powered by Disqus