Articolo

LAIKA VENDETTA: NUOVE PROPOSTE DEL ROCK ALTERNATIVO ITALIANO

Un giovane debutto discografico che farà parlare di sé a lungo. Sono cinque, sono abruzzesi e fanno sul serio, questi Laika Vendetta. Talmente sul serio da sfidare la crisi e i tagli alla cultura lanciando un grido dal titolo “Laika, Sylvia, Jeanne e…le altre” (prodotto da Boleskine House Records e distribuito da Udedi Musica e Cultura). Il progetto potrebbe essere descritto con una sola parola: viscerale. È dal profondo, infatti, che vengono tutti i pensieri, le sensazioni, le amarezze, la rabbia e la sensualità che percorrono le undici tracce di un concept album che ha come fil rouge la donna, ed in particolare quelle donne (Laika, per prima, ma anche Sylvia, Jeanne e tutte le altre, Italia compresa) che hanno sofferto per amore e che cercano vendetta urlando a suon di rock. Poetici e allo stesso tempo aggressivi, i Laika Vendetta hanno saputo concentrare violenza e sentimento in un album che non smette di svelare sorprese ascolto dopo ascolto. A primo impatto, si viene catturati dalle melodie orecchiabili ma mai banali. Soffermandosi, si colgono man mano le sfumature dei testi, aperti sia verso l’interno, verso l’intimità delle sensazioni, sia all’esterno, in una sottile rete di rimandi extratestuali di apprezzabile qualità. Da segnalare anche la grafica dell’album, realizzata dall’artista teramana Mokina: essenzialità e contrasti cromatici che ben interpretano il concept del disco in chiave figurativa.

Linda Pietropaolo

blog comments powered by Disqus