Articolo

“La Musica Può Fare”: incontro tra arte e volontariato

Giunge alla quarta edizione il Festival casertano “La Musica può Fare”. 7 ore no stop per un concentrato di Arte a 360° a sostegno della “Bottega del Clown”

Un solstizio d’estate tutto da godere: domenica 21 giugno, a partire dalle 17:00, Santa Maria Capua Vetere (Ce) farà da sfondo alla quarta edizione de “La Musica può fare”: una prestigiosa rassegna artistica, nella cornice di Villa Cristina, in cui si alterneranno musica, giocoleria, performance teatrali, aree tematiche, mostre fotografiche e pittoriche.

Nonostante sia un’associazione nata da pochi anni, il Club 33 Giri è un collettivo molto attivo e attento alle problematiche del territorio e per il quarto anno consecutivo sposa e sostiene un progetto di carattere sociale: l’edizione 2015 del Festival vedrà devolvere parte del ricavato a favore dell’associazione di volontariato ‘La Bottega del Clown’ di Caserta.

I migliori artisti emergenti, della scena campana e non, si esibiranno su due palchi creati ad hoc per questo magnifico evento:

Su #LALTROPALCO a partire dalle 18,00 suoneranno nel seguente ordine: Flux Refrain, Coma Berenices, Kafka sulla Spiaggia, Joseph Foll e la Pikkolaorkestraperprestazionioccasionali.

la musica può fare

Sul MAIN STAGE, invece, a partire dalle 20.30 si alterneranno tre grandi nomi del panorama indipendente italiano: Sabba e Gli Incensurabili, Giovanni Truppi e gli España Circo Este.

gli incensurabiliSabba e gli Incensurabili: Salvatore Lampitelli in arte Sabba, incontra gli Incensurabili (Luca Costanzo, Alessandro Grossi, Alessandro Mormile e Alfonso Donadio) nel luglio 2010. Li unisce un obiettivo comune: l’utilizzo della musica come mezzo di denuncia. Si parla di situazioni che vengono oscurate per fare spazio a cose ben più importanti per l’italiano medio: il Grande Fratello, la partita della nazionale, l’intreccio amoroso tra il V.I.P. di turno e la spogliarellista anonima che diventa celebrità tutto d’un tratto. Dopo Nessuno Si Senta Offeso (BulbArtWorks/Audioglobe), uscito nel 2012, arriva a gennaio 2015 Sogno e son Fesso, che racchiude in sole dieci canzoni il diritto alla speranza di una generazione rinnegata dalle sue stesse radici che, dopo vent’anni di silenzio, si ritrova a sostenere il peso di una storia a cui non sente di appartenere. Sogno e Son Fesso può essere riassunto nella frase “via dall’idea che non meritiamo di più” che troviamo nella canzone Per Resistere: perché l’album si propone di dare, di trasmettere a chi ascolta un motivo per andare avanti, oltre le proprie battaglie quotidiane. A modo loro, Sabba e Gli Incensurabili hanno scelto di resistere con la Musica. Nel disco anche un bellissimo duetto con Giovanni Block sulle note della canzone Un giorno perfetto.

giovanni truppiGiovanni Truppi: Nato a Napoli nel 1981. Ha pubblicato tre dischi: C’è un me dentro di me (CinicoDisincanto/Cni 2010), Il mondo è come te lo metti in testa (I Miracoli-JabaJabaMusic/Audioglobe 2013) e Giovanni Truppi (Woodworm/Audioglobe 2015). Più di cento concerti in meno di due anni, un crescendo esponenziale dovuto soprattutto al passaparola tra pubblico e addetti ai lavori e al magnetismo dei suoi live. Cantante, chitarrista e pianista come pochi, negli anni la musica di Truppi è stata apprezzata dai critici e dagli artisti più disparati (da Jeff Buckley a Giorgio Gaber, da Paolo Conte a Lou Reed). Il suo è un talento compositivo e performativo completamente inedito nel panorama italiano: non  riconducibile a nessuna scuola, Giovanni Truppi ha fatto della trasversalità e della felice convivenza di opposti uno dei propri tratti distintivi. Rock, avanguardia, e canzone d’autore; poesia e ironia, potenza espressiva e leggerezza, complessità e ingenuità sono i poli attraverso i quali si muovono le sue canzoni. Tra queste, da ricordare la collaborazione con Antonio Moresco (tra i più importanti ed accreditati scrittori italiani contemporanei) per Lettera a Papa Francesco I – potentissimo inno rock di una portata d’altri tempi che sottolinea quanto abbia rilevanza, oltre la musica, la componente letteraria. Da ogni canzone emergono vividi personaggi e situazioni che si concretizzano e si insediano nell’immaginazione dell’ascoltatore. Giovanni Truppi è un disco che parla di amore e di sesso, di politica e di Dio, delle donne e degli uomini. È un disco psichedelico perché è un viaggio dentro, intorno e fuori la coscienza di un uomo e dell’Uomo. È un disco di musica complessa che arriva dritta al cuore e al cervello. Prodotto da Marco Buccelli e registrato da Ivan Antonio Rossi presso lo Studio Nero di Roma è una raccolta di dieci canzoni dai molteplici livelli di lettura.

espanaEspaña Circo Este: Poco più di due anni di attività e già oltre 300 concerti alle spalle lungo tutta l’Italia e la Spagna; gli España Circo Este rappresentano una vera e propria carovana musical-circense dal sound unico e originale, fra il sacro e profano, fra lo stoner ed il balkan, con influenze reggae e Tango-Punk. La loro forza è il live: pazzo, colorato e tiratissimo. Gli España Circo Este hanno calcato i palchi più ambìti d’Italia (Rivolta, Estragon, Carroponte, Deposito Giordani, Palearizza, Apartaménto Hoffman, Sherwood Festival, etc), suonato insieme a tanti grandi del panorama italiano (Modena City Ramblers, Punkreas, Nobraino…) e partecipato alla colonna sonora di una delle più apprezzate web serie italiane del 2013, Days, diretta e prodotta da Flavio Parenti (Woody Allen, Pupi Avati, etc.).

Gli España Circo Este hanno all’attivo due E.P., CIRCO ESTE CIUDAD e BUCATESTA, entrambi andati più volte in ristampa anche senza alcuna distribuzione e promozione a supporto. Il loro Bucatesta Tour, da gennaio 2014 ad ottobre 2014, li ha visti protagonisti in ben 114 concerti; un viaggio lungo tutta l’Italia per oltre 80.000 km con in mezzo anche un tour in Spagna.  “LA REVOLUCIÓN DEL’AMOR” è il loro primo full lenght uscito il 16 Gennaio 2015. L’album, presentato in anteprima su Rockon.it è edito dall’etichetta Treid (ex RedLed Records – label già attiva negli anni 2000, Super Elastic Bubble Plastic, A.D., Wah Companion, Hate Boss, alcune delle sue produzioni) e distribuito nei negozi e nei digital stores da Goodfellas. L’album riscuote ottimi riscontri sia da parte della critica che da parte del pubblico: sono diversi i sold out collezionati durante le prime delle quaranta date del loro tour invernale che li vedrà protagonisti – da fine marzo a metà aprile – anche in Europa, con concerti in Austria, Danimarca, Germania, e Repubblica Ceca. Il 23 febbraio 2015 è stato presentato il videoclip di Quelli del Bau Bau, in anteprima su «La Repubblica». LA REVOLUCIÒN DEL’AMOR è la storia di un giorno, forse non troppo lontano, in cui viene raccontata la Rivoluzione di un uomo che, per amore di una donna, mette in gioco la sua vita e cambia lo status quo della modernità.  Questo personaggio si trova a lottare contro chi è al potere; un potere conquistato con promesse e fanfare di ogni sorta tenendo però ben nascosto il rovescio della medaglia: conformismo, qualunquismo, arrivismo, collusioni, negazione di diritti, dignità e libertà. Il potere raccontato in questo disco è un potere che non fa sconti e cerca in tutti i modi di sedare e silenziare le voci discordi.

Non resta che un avvertimento: save the date! Il 21 giugno non prendete impegni: La Musica Può Fare e il Club 33 giri vi aspettano per deliziarvi con una manifestazione unica nel suo stile.

 

la musica può fare e

Contributo minimo all’ingresso di soli 5 euro.

Programma

Performance teatrali a cura di: Teatro Civico 14

#LALTROPALCO a partire dalle ore 18:

Flux Refrain, Coma Bernices, Kafka sulla Spiaggia, Joseph Foll e la Pikkolaorkestraperprestazionioccasionali

MAIN STAGE a partire dalle 20.30:

Sabba e Gli Incensurabili, Giovanni Truppi, España Circo Este

MOSTRE:

‘Music Wall’, fotografie di Diego Dentale

‘Anime e Volti’, disegni di Lorenzo D’Ancicco

‘Stew’, fotografie di Otilio Chiodero

 ‘Il reportage: prospettive napoletane’, opere dal primo corso di fotografia del Club 33 Giri

Alcuni scatti del fotografo salernitano Lello D’Anna

 

blog comments powered by Disqus