Articolo

“Hermanas Goggi Remixed”: l’eterna primavera delle sorelle Goggi

Per alcuni la giovinezza è solo una stagione della vita, per altri è condizione esistenziale: si cresce, ci si rinnova puntualmente ma senza perdere mai vigore, entusiasmo, voglia di fare e sperimentare. Uno stato d’animo che protegge, come fa la primavera con gli alberi sempre in fiore. Per Loretta Goggi quella primavera – seppur maledetta – sembra durare ancora oggi. Una lunga carriera a tutto tondo nel poliedrico mondo dello spettacolo (ultimamente protagonista di “Tale e Quale Show” e della fiction “Un’Altra Vita”, entrambe trasmissioni di RAI UNO) e il recentissimo ritorno al primo grande amore: la musica. Amore condiviso con la sorella Daniela, insieme alla quale ha scalato le classifiche nazionali e internazionali negli anni ’70 e ’80 grazie a brani diventati poi indimenticabili.

banner_goggi2

A rinfrescarci la memoria ci pensa Hermanas Goggi Remixed, l’album che vede protagoniste le popolari e briose sorelle, di nuovo insieme dopo 35 anni. Nato dall’idea di Marco Lazzari, fan delle “ragazze Goggi” oltre che cantautore e musicista, prodotto da Rolando D’Angeli per l’etichetta Don’t worry records su licenza Warner Italia Srl e distribuito da Edel ItalyHermanas Goggi Remixed è disponibile nei negozi e nei principali digital stores dall’8 dicembre. Un progetto in cui si incontrano passato e futuro, vecchie e nuove generazioni, ricordi di un tempo ed emozioni ancora da vivere. I brani remixati acquistano nuova linfa, vestono panni dance ma, nello stesso tempo, mantengono intatta la loro identità; un album che sa parlare alle nuove generazioni mentre continua a confrontarsi con i giovani di un tempo. Accanto alla rivisitazione di canzoni come Domani, Mezza Stella, La Notte, OBABA-LUU-BAIo Nascerò, Estoy Bailando (per quest’ultima, primo singolo estratto dall’album, è stato realizzato anche un videoclip) si aggiungono, come bonus tracks, le versioni originali di Maledetta Primavera e  de L’Aria del Sabato sera, successi storici di Loretta Goggi.

Una chicca musicale, un lavoro che trova la sua ragion d’essere – come sottolineano le stesse artiste – nel desiderio di continuare a divertirsi:

«È il momento dei ringraziamenti. Se siamo ancora qui ad amare e a divertirci facendo questa professione lo dobbiamo al pubblico, alla sua incrollabile stima e fedeltà! Quindi il primo ringraziamento va assolutamente a lui. Il secondo grazie va ai tantissimi fans che hanno creato, seguito con attenzione, amore e misura, i siti a noi dedicati. Impossibile non citare Hello Goggi, Loretta e Daniela Goggi fan page, Loretta Goggi fans, Loretta Goggi in FB. Un grazie speciale va a chi, quasi per gioco ha avuto l’idea, e l’ha realizzata, di un remix di una canzone di Loretta (“Io nascerò”): Marco Lazzari, che oltre ad essere un nostro fan, è un cantautore e un musicista. Dal momento in cui è stata messa in rete “Io nascerò”, i nostri fans hanno cominciato a chiederci, sui siti più disparati, di fare un remix dei pezzi che hanno reso famose, non solo in Italia, ma anche all’estero, le Hermanas Goggi. In noi ha vinto la voglia e il desiderio di parlare ai giovani che hanno imparato a conoscerci, usando una lingua universale: quella della musica, e di conseguenza del ballo. Siamo già felici, ma lo saremo ancor di più quando vi sapremo o vi vedremo ballare i nostri pezzi degli anni ’70/’ 80, come se fossero pezzi di oggi. E qui, un grosso grazie va al produttore noto per il suo “naso” nello scoprire talenti e lanciarli a livello internazionale: Rolando D’angeli, cui dobbiamo non solo i primi dischi di Giorgia, ma i tanti di Nek, Pupo, la scoperta di Michele Zarrillo, e l’aver capito quale indirizzo avrebbe preso la musica attraverso il Web, prima di molti altri. Un ultimo grazie lo dobbiamo anche al nostro coraggio, o per meglio dire alla nostra “faccia tosta”, sì, quella di rimetterci in gioco, come due ragazzine, per il gusto di tornare a scatenarci, insieme a voi, condividendo con giovani e meno giovani, la gioia, l’entusiasmo e il grande amore per la musica!»

blog comments powered by Disqus