Articolo

A love like kerosene: primo videoclip per i SAMA

Il videoclip di A love like kerosene, primo singolo del trio pop-elettronico SAMA, a poco più di un mese dalla sua uscita è già noto e apprezzato sulla scena musicale nazionale e internazionale

I SAMA sono una nostra vecchia conoscenza: quest’estate, infatti, avevamo ascoltato in anteprima A love like kerosene, brano che anticipa l’EP completo la cui uscita è prevista per i prossimi mesi. La cifra stilistica del trio Samarelli-Tedeschi-Fasciano, quel pop garage dal respiro internazionale in cui la voce magnetica di Francesco si fonde con i loop elettronici di Ted e gli intensi giri di chitarra di Leo, pare aver già conquistato tutti, tanto che il pezzo è in rotazione da mesi sulle radio indipendenti, soprattutto statunitensi.

A love like kerosene, prodotto dall’etichetta One More Lab in collaborazione con Aztec Music Publishing di Londra e masterizzato a da Stuart Hawkes, è stato in classifica su Itunes – tra gli artisti emergenti degni di nota – e inserito su Spotify nelle playlist delle top international Hits di Believe. Il brano vuole essere «un viaggio di ascesa spirituale dell’uomo attraverso la mente e l’amore per la perfezione» e questo percorso, fisico e psichico al contempo, si materializza e si palesa in tutta la sua evidenza nel videoclip, uscito in anteprima,  il 17 dicembre scorso, su FameMagazine.

Protagonista assoluta del video è la strada, simbolo per antonomasia di un cammino esperienziale costellato da soste, bivi, frenate e accelerazioni. In un continuo rimando tra interno – rappresentato da un’auto alla cui guida si alternano quattro ragazzi (al trio si aggiunge la presenza dell’attrice Roberta Biondi) – ed esterno – mosaico di cieli sconfinati, stazioni desolate e visioni psichedeliche – la ricerca personale diventa un tutt’uno con quella collettiva, perché non c’è vittoria se è precluso il confronto con l’alterità. Ecco perché, a una scena già fortemente illuminata dal sole, si aggiunge il colore di sguardi che si cercano ripetutamente e che ripetutamente si parlano. Perché la felicità, in fondo, è sempre condivisione.

“What should I do? To follow you?”

blog comments powered by Disqus