Articolo

Un’estate (piena) di film

Estate, vacanze, relax. È sempre un buon momento per dedicarsi alla visione di un film. In questo articolo qualche suggerimento interessante…

film

Alcuni film possono sfuggire, altri sono poco noti e altri ancora non si ha il coraggio di guardarli. Eppure durante l’estate sarebbe opportuno colmare questi vuoti, durante i pomeriggi lontani dalle spiagge o durante le sere in cui un temporale estivo non invoglia alla classica uscita. Sarà in ogni caso importante cimentarsi con generi diversi, quando impegnativi, quando leggeri o scanzonati.

Remember: un anziano uomo affetto dal morbo di alzheimer dovrà compiere una missione: uccidere il persecutore della sua famiglia ad Auschwitz. Tra ricordi e colpi di scena.

Brooklyn: una giovane irlandese si trasferisce a New York durante gli anni ’50, trovando intorno a sé un nuovo mondo non facile da scoprire, ma importante per la propria crescita e formazione. Una protagonista e i suoi sentimenti.

La bottega degli errori: un eccentrico e strampalato barbiere inglese si trova al centro di indagini volte a scoprire chi è l’autore di efferati omicidi, specialmente due avvenuti presso il salone dove lavora. Robert Carlyle tra regia e recitazione.

Ruth e Alex: un’anziana coppia newyorkese alle prese con ricordi, emozioni e con la ricerca di una nuova casa. Diane Keaton e Morgan Freeman insieme in una commedia leggera.

A walk in the woods: un anziano uomo decide di intraprendere un percorso a piedi lungo il sentiero degli Appallachi insieme ad un amico che non incontra da tempo. Una coppia d’eccezione formata da Robert Redford e Nick Nolte, pronta a mostrare un’America ricca di un certo fascino naturale e dove non mancherà un po’ di sana ironia.

Perfect day: un gruppo di uomini e donne pronti ad intervenire durante gli anni ’90 nei territori dell’ex Jugoslavia, per salvaguardare luoghi dove si consumano crudeltà estreme ed efferate. Benicio del Toro e Tim Robbins, uomini in mezzo alla guerra.

The nice guys: due uomini alle prese con omicidi, spionaggio e colpi di scena in un contesto tutto anni ’70. Russell Crowe e Ryan Gosling, in una versione “Bud Spencer e Terence Hill” ironica e dissacrante.

Un paese quasi perfetto: Pur di ottenere di nuovo un lavoro, un paesino lucano si organizza per ingraziarsi l’impegno di un giovane medico che dovrebbe garantire con la sua presenza l’opportunità di aprire una cava, utile per far ritornare a lavorare gli uomini del luogo. Silvio Orlando e Fabio Volo funzionano e di tanto in tanto fanno ridere.

El club: un gruppo di uomini di chiesa si trova in una casa lungo la costa cilena, perché allontanati dalla curia per abusi su minori. Un film duro e diretto che mostra una realtà altrettanto forte e spesso sconcertante.

blog comments powered by Disqus