Articolo

To Rome with love

 

È uscito proprio oggi nelle sale cinematografiche italiane il nuovo film di Woody Allen “To Rome with love”. Sono narrate quattro storie accadute nella Città Eterna nel medesimo periodo: quella di Milly e Antonio che giungono a Roma perché al secondo si prospetta un nuovo e remunerativo lavoro legato a suoi ricchi parenti del posto, che viene ad intrecciarsi con quella di Anna, una strepitosa Penélope Cruz, nei panni di una simpaticissima e provocantissima squillo e Luca Salta (Antonio Albanese), attore italiano famoso: l’una induce in tentazione Antonio e l’altro Milly. Nel frattempo Jack, studente di architettura si innamora perdutamente di Monica, attrice americana amica della sua ragazza Sally. Terza storia è quella di Leopoldo Pisanello, interpretato da un meraviglioso Roberto Benigni, che nel giro di pochi giorni diventa famoso e allo stesso tempo termina di esserlo. Infine vi è la vicenda di Jerry (Woody Allen), che giunge con la moglie a Roma per conoscere il futuro sposo della figlia Hayley. Se dovessi soffermarmi sui particolari di ciascuna storia però rivelerei integralmente tutto il film, il quale manca di una trama forte e robusta di fondo, infatti l’impressione, a film terminato, è quella di aver assistito ad uno spettacolo piuttosto banale anche se ilare in molte scene, grazie soprattutto a simpatiche battute. Il doppiaggio lascia molto a desiderare (forse sarebbe stato meglio divulgarlo in lingua originale con i sottotitoli) e anche la recitazione di qualche attore non è eccellente. Considerato il cast d’eccezione, e quindi anche tutti i soldi che saranno serviti ad Allen per metterlo insieme, ci si sarebbe aspettati un film di un più grosso spessore e soprattutto diverso da alcune caratteristiche che negli ultimi film del regista sembrano sistematicamente ripetersi (si pensi ad esempio al penultimo, uscito solo un anno fa, “Midnight in Paris”.
Molto suggestivi alcuni scorci di Roma e se si vogliono passare due ore spensierate e senza troppe pretese “To Rome with love” va comunque visto, possibilmente però quando il biglietto del cinema costa di meno. Tuttavia va riconosciuto un altro merito a questa pellicola, l’omaggio sentito di Allen a Roma e all’Italia in genere (citazioni di altre bellissime città come Napoli, Firenze, Venezia, Palermo e Milano, l’ottimo cibo nostrano, la scelta delle colonne sonore come “Nel blu dipinto di blu” di Modugno o le varie canzoni tratte da opere liriche come “La Traviata” di Verdi).  Per questo omaggio, grazie Woody! Per qualche critica più positiva se ne parlerà dopo l’uscita del prossimo film.

“To Rome with love”, Woody Allen, 2012
Cast: Penelope Cruz, Jesse Eisenberg, Ellen Page, Greta Gerwig, Judy Davis, Riccardo Scamarcio, Isabella Ferrari, Sergio Rubini, Antonio Albanese, Flavio Parenti e Fabio Armiliato, Ornella Muti, Luca Calvani, Alison Pill, Vinicio Marchioni, Monica Nappo, Lina Sastri, Carol Alt, Gian Marco Tognazzi, Edoardo Leo, Donatella Finocchiaro, Giuliano Gemma.

blog comments powered by Disqus