Articolo

Siamo tutti in crisi

Da giorni, mesi, anni non si fa che parlare di “crisi”. Il nostro Paese è affetto da una crisi economica terribile e tutti i politici ne discutono, ma nessuno fa niente di concreto. Abbiamo un governo che oggigiorno dimostra di non essere in grado di risolvere i problemi inerenti a questa crisi economica, finanziaria, morale e quant’altro. Dall’altra parte, invece, c’è un’opposizione che non sembra sempre in grado di fare “opposizione”. Difficile diviene, inoltre, per questi collaborare con parole che mai si tramutano in fatti, nonostante le “secolari” speranze di molti cittadini. Ci sono, ad esempio, dei parametri da rispettare per rimanere a far parte dell’Unione Europea (e questo il Bel Paese lo sa da quando ha deciso di farvi parte) che punzecchiano il fianco di un’Italia che negli ultimi mesi sembra essersi un po’ risvegliata a causa della continua “molestia”. Il governo, capitanato dal premier Silvio Berlusconi, promette di risolvere la crisi, intimidisce l’opposizione dicendo che porterà degnamente a termine il mandato fino al 2013 e queste dichiarazioni ripetute per mesi e mesi hanno però sempre e solo il sapore di parole fluttuanti e narcotizzanti. Le soluzioni a questa “crisi senza precedenti” (come l’ha definita Napolitano) a mio parere saranno due: o inizieranno finalmente a vedersi dei FATTI, come investimenti nella ricerca, la distribuzione più equa della ricchezza, la riduzione della carenza dell’attuazione in Mezzogiorno delle politiche nazionali, la risoluzione della precarietà del lavoro giovanile e la disoccupazione di molti neolaureati, il cercare di riprendere gli investimenti nelle opere pubbliche, ecc., o gli italiani – molto stanchi – daranno vita a una “rivoluzione senza precedenti”. Per ora il dovere di aspirante giornalista mi impone di dire che proprio ieri sono stati approvati dal G20 sei punti per la ripresa. Nel frattempo si dia una letta all’inchiesta de «il Sole 24 ore» sul perché l’Italia non cresce, interessante soprattutto perché composta da articoli economici chiari per chiunque.

 

blog comments powered by Disqus